Una sporca guerra 


Sono rammaricato per i fatti di Parigi e il puzzle è ancora in via di definizione ma alcune considerazioni non si possono non fare visti i morti che si stanno susseguendo.

Presto la paura dilagherà. Hanno invitato la gente a non uscire, chiuso le frontiere, l’economia si potrebbe avvitare.

Ripercussioni in tutta Europa e sotto l’amplificazione degli ulteriori proclami di morte :”adesso tocca a Roma, Londra e Washington”.

E’ la solita politica estera del cazzo made in USA che crea sommosse, arma i ribelli, fomenta i popoli per destabilizzare quei governi che remano contro gli interessi Americani.

Saddam voleva vendere il petrolio in Euro, Assad ha una banca Centrale indipendente e inattaccabile se non con una guerra in terra Siriana, Gheddafi ormai non cooperava più.

Egitto, Libia, Siria destabilizzati creando l’Isis.

Volete farmi credere che l’Esercito più potente al mondo sia inerme difronte a 100k guerriglieri senza aerei ne armi pesanti ne chimiche ne batteriologiche ne atomiche???? Prima eravamo tutti Charlie poi tutti Paris, e nel frattempo? Che è successo nel frattempo? Abbiamo continuato a comprare il loro petrolio, a vendergli le nostre armi, a lasciargli campo. Compresi noi Italiani.

Ecco se avessimo un briciolo di amor proprio o per i nostri figli e il nostro futuro dovremmo sollevarci per chiedere la testa politica di chi tira le fila del potere e invece assistiamo noi si inermi, con lo smartphone in mano allo scempio totale. Siamo ipocriti, tutti.

In questa guerra tutti sanno da che parte stare…a parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...